A.e.s.crim su Alcool e Droga al Liceo “Primo Levi”

18 Gen 2018 News

Si è tenuto nella mattinata di ieri un corso sulla tematica di alcool e droga e relative legislazioni all’istituto Primo Levi di Ronco Scrivia (GE). A.e.s.crim è stata chiamata a tenere un corso della durata di 4 ore, egregiamente svolto dal nostro Direttore Scientifico il Prof. Graziano Marenco, che con puntualità e precisione ha saputo cogliere l’attenzione del suo pubblico favorendo un interscambio sulla complessa dinamica dell’utilizzo di alcool e droga tra i giovanissimi.

Il corso ha visto la presenza di circa 70 studenti di età compresa tra i 14 e 17 anni e numerosi insegnanti.

Blue Whale: La Cassazione in Italia si determina

15 Gen 2018 News

La cassazione a Sezione Unite si pronuncia sul gioco della blue whale che solo qualche mese fa è venuto agli onori della cronaca in Italia, ma che rappresentava in realtà un allarme mondiale già da tempo.

Il Fatto

L’indagato aveva intrattenuto dei rapporti virtuali con la minore, nell’ambito della partecipazione al noto gioco del “Blue Whale Challenge” In particolare, l’imputato inviava alla minore alcuni messaggi tra cui uno nello specifico che le intimava: «Manda audio in cui dici che sei mia schiava e della vita non ti importa niente e me la consegni». Il Pubblico Ministero, disponeva il sequestro probatorio del telefono cellulare e di materiale informatico dell’indagato, ipotizzando i retai di istigazione al suicidio ex art 580 c.p e di adescamento di minorenne ex art 609 undecies c.p. Il Tribunale confermava il sequestro.

Il ricorso

Avverso tale decisione del tribunale proponeva ricorso in Cassazione il difensore dell’uomo il quale riteneva che non fosse ipotizzabile il reato di istigazione al suicidio, in quanto la minore non aveva tentato il suicidio.

La Cassazione ritenendo fondato il ricorso, ritiene non sussistere il reato di istigazione al suicidio in quanto la minore non ha minimamente ipotizzato tale gesto estremo; l’art 580cp infatti punisce l’istigazione,   a condizione che la stessa venga accolta e il suicidio si verifichi o, quanto meno il suicida fallisca nel suo intento e si procuri lesioni gravi.

La Cassazione ha ritenuto quindi che trattasi di adescamento di minori, non senza rimarcare l’attenzione su un fenomeno particolarmente allarmante che potrebbe avere forti ripercussioni nei confronti di minori facilmente suggestionabili.

Cass. Sez. Unite 22 dicembre 2017 n 57503

A.E.S.CRIM Iscritta al Registro dei Rappresentanti di interessi della Commissione Europea

9 Gen 2018 News

E’ giunta da pochi minuti la notizia da parte del Segretariato congiunto del Registro per la trasparenza della Commissione Europea del nulla osta per la registrazione dell’Accademia al Registro dei Rappresentanti di interessi della Commissione Europea.

Ciò significa che l’Accademia è chiamata a contribuire alle consultazioni pubbliche relative ad alcuni settori di cui si è fatta portatrice di interessi specificati in fase di registrazione.

Il numero di identificazione di Accademia Europea di Scienze Criminologiche e Forensi nel Registro per la trasparenzaa è 487599829411-33

Apertura 2 nuove sedi Aescrim

20 Dic 2017 News

E’ con immenso piacere che l’Accademia annuncia l’apertura di due nuove sedi; di cui una in provincia di Cosenza, e più precisamente su Castrovillari, e l’altra su Bologna. Dal nord al sud e passando per il centro l’obiettivo che ci proponiamo per il 2018 è quello di coprire gran parte del Territorio Nazionale. Un sentito ringraziamento è rivolto a tutti i titolari di sedi e nostri referenti per rappresentare con grande professionalità l’Accademia.

U-47700 è la nuova droga sintetica che uccide

24 Ott 2017 News

In America è apparsa già da qualche tempo: si chiama tecnicamente U-47700 , ma nel linguaggio comune “Pink”. Si tratta di una droga sintetica di ultima generazione venduta in grande maggioranza tramite internet che è stata responsabile in meno di un anno di circa 46 decessi accertati. E’ una sostanza di colora rosa (ecco da dove nasce il nome Pink da parte dei giovanissimi) importata dalla Cina, appartiene alla categoria degli oppiacei sintetici ed è almeno 10 volte più potente e tossica della morfina; può essere letale anche se assunta in piccole dosi.

Viene venduta nel deep web, l’internet sommerso dove nel (quasi) totale anonimato si compie ogni genere di traffico illecito. La droga viene pagata in moneta virtuale, i bitcoin, su un conto domiciliato in una banca londinese, e dopo qualche giorno arrivava per posta via raccomandata.  Il costo è bassissimo si aggira intorno ai 7 dollari al grammo (poco più di 5 euro). L’U47700 viene spesso combinato con altre sostanze psicotrope, soprattutto il Fentanyl, un oppioide sintetico responsabile di una vera e propria strage negli Stati Uniti. Proprio un cocktail delle due droghe avrebbe causato la morte nell’agosto 2016 di Prince, il popolare cantautore americano.

Il paradosso di tutta questa storia che abbiamo portato alla luce è che in Italia la vendita dell’U47700 non è (ancora) illegale. In base al testo unico in materia di stupefacenti e sostanze psicotrope,infatti nel nostro Paese sono ritenute  illecite solo quelle sostanze inserite in un elenco periodicamente aggiornato dal Ministero della Sanità. In altri termini, è permesso tutto ciò che non è (ancora) vietato, senza aver riguardo agli effetti, eventualmente anche letali, che potrebbe avere sulle persone.Quando indagini di polizia o casi di cronaca suggeriscono di aggiornare la lista, si attiva una procedura che, dopo studi ed esami approfonditi, dovrebbe portare al bando delle nuove droghe e alla sanzione penale di chi ne fa commercio. Peccato che le autorità siano sempre un passo indietro rispetto ai produttori e che se ci si ponga il problema della pericolosità solo quando la sostanza inizia a mietere vittime.

Nuovo incarico per il presidente dell’A.E.S.CRIM.

23 Mar 2017 News

Il presidente dell’A.E.S.CRIM., nella persona della dott.ssa Eliana Pecoraro, ha ottenuto un  importante incarico professionale afferente alla sua specializzazione in Scienze Criminologiche.

Con delibera del Consiglio Superiore della Magistratura del 22 febbraio 2017, con Decreto del Ministero della Giustizia del 7 marzo 2017, è stata nominata

Esperto del Tribunale di Sorveglianza di Salerno

con immissione in possesso dalla data del 22 marzo 2017

 

DeliberaCSM

DecretoMinisterialeNomina

1 2 3

Search

+